> Con chi volare?
> Foto Full moon party
> Foto
> Consigli
> Meteo
> Info utili
> Siti e gruppi
> Visti
> Contatti telefonici

 Voli in tempo Reale

> Quotidiani online
> Radio Online
> tg online
> Utilità online
> Software Freeware
> P2P Torrent
> Info Generali
> Hollywood Discoteque
> FORUM Patong.it

 



 

 

 

Numeri di telefoni utili

USANZE LOCALI E PICCOLI CONSIGLI

Ecco alcuni consigli e considerazioni per evitare magari qualche brutta figura con i thailandesi, con la speranza che vi possano essere utili per un miglior soggiorno in Thailandia.

Il popolo thailandese è tra i più tolleranti al mondo, in parte in conseguenza della filosofia buddista, in parte per il suo naturale disinteresse verso gli altri popoli stranieri, alcuni tratti del nostro comportamento risultano però particolarmente stonati in Thailandia e sarebbe bene evitarli il più possibile.

Il punto più importante è sfoggiare sempre una faccia sorridente e serena e prendere sempre tutto allegramente.Uno scherzo ed una battuta conquistano più amici di molti tentativi maldestri di uniformarsi alle usanze locali.

Gli anziani e le persone importanti

Se per noi è maleducato lasciare in piedi una persona di età avanzata, per il thailandese è ancora più maleducato stare in piedi di fronte ad un anziano o ad un superiore.

Manifestazioni emotive in pubblico

I thailandesi rifuggono da qualsiasi manifestazione pubblica di emozioni.Le scenate di collera in particolare, spesso provocate da situazioni di incomprensione, si rivelano sempre ingiustificate e non raggiungono mai i risultati sperati.Le manifestazioni di affetto poi, come camminare avvinghiati come serpenti, sono per i thailandesi un vero spettacolo comico.

Fissare negli occhi troppo a lungo

Una delle cause più frequenti di rissa con i locali, eventualità che per fortuna si verifica raramente, ma che potrebbe avere conseguenze letali, è il guardare troppo a lungo una persona negli occhi, anche senza averne l’intenzione, specialmente quando hanno una bottiglia a portata di mano.

Le scarpe in casa e la testa

I tabù del piede e della scarpa dovrebbero essere cosa nota a tutti, essendo pubblicizzati su ogni guida che parla della Thailandia, mentre lo scavalcare la testa di un thai è meno conosciuto ma assai più importante.Di fatto non vedrete mai bambini locali giocare alla “cavallina”sulla spiaggia.

L’abbigliamento e la spiaggia

Più importante ,specie al mare, è la questione dell’abbigliamento.Il nudismo è ufficialmente disapprovato(potrebbe essere causa di arresto).

Gli acquisti

Nei negozi e sui banchi la contrattazione è prassi.E’ buona regola offrire 1/3 del prezzo richiesto ed arrivare, con varie contro offerte, a più o meno la metà della richiesta.Per  esportare oggetti di antiquariato, è richiesto un certificato di acquisto.E’ severamente vietata ai non buddisti l’esportazione di statue e rappresentazioni del Buddha.

Pietre preziose

Comprare pietre preziose può essere molto conveniente, ma fatelo solo in negozi specializzati e certificati, sempre che non siate degli esperti gemmologi…

Noleggio auto e moto

Anche il noleggio di auto e moto è soggetto a contrattazione e varia molto tra l’alta e la bassa stagione.Sono obbligatori la patente internazionale (anche se molto spesso viene chiuso un occhio) ed il casco per moto e motorini.Importante verificare se auto e moto hanno un’assicurazione.In assenza di patente internazionale, l’assicurazione non risponde degli eventuali danni!Ricordiamo che la guida è a sinistra, è indicata perciò la massima prudenza, sia che siate alla guida di un potente fuoristrada sia che stiate guidando un motorino di 125 cc.

Mezzi pubblici

In tutta la Thailandia si possono usare per spostarsi i taxi, i tuk-tuk e i moto-taxi, ed è buona regola stabilire il prezzo della corsa prima di partire.Controllate anche lo stato di ebbrezza del conducente, soprattutto nelle ore notturne ed in occasione di festività… amano anche loro divertirsi, ma se non mettono  repentaglio la nostra e la loro vita , è meglio!

Noleggio barche

Si possono noleggiare delle barche in quasi tutte le maggiori spiagge.Generalmente ce ne sono di due tipi: gli speed boat, i classici motoscafi con grossi e potenti motori, e i long-tail boat, tipiche imbarcazioni con un motore con un lunghissimo asse.Si consiglia di evitare di noleggiare queste piccole imbarcazioni nella stagione dei monsoni, per le frequenti tempeste improvvise.Per il noleggio delle imbarcazioni è sempre meglio rivolgersi alle agenzie turistiche disseminate su tutta l’isola.

Cosa mangiare e dove

Bere sempre e solo acqua confezionata.Il cibo non è un problema.Sull’isola ci sono molti ristoranti italiani dove potrete trovare una buona cucina ad un prezzo ragionevole.Se volete mangiare thailandese sconsigliamo i carretti ambulanti e i “chioschetti”,a meno di una conoscenza approfondita della cucina thai.Ci sono a vostra disposizione molti ristoranti thai, come i seafood, con possibilità di scelta tra una buona cucina internazionale ed un’ottima cucina thai.Non mancano anche i”grandi” ristoranti,thailandesi,italiani e francesi,anche con delle buone cantine,i prezzi però sono molto vicini a quelli europei.

Vita notturna

La vita notturna è intensissima, in particolare a Patong e a Phuket Town, anche se le nuove leggi impongono la chiusura alle due di notte (cosa che avviene molto di rado).Le consumazioni sono obbligatorie ma con prezzi molto contenuti,I vari Cabaret, che offrono shows fatti da travestiti, ormai sono una tappa obbligatoria per chi non li ha mai visti e sono generalmente piuttosto pudici.

Valuta

La valuta ufficiale è il Bath.Il cambio, stimato in base al rapporto col dollaro USA è intorno a 46/50Bath per Euro, ma varia quasi giornalmente.

Lingua

La lingua ufficiale è il thailandese, ma molti, soprattutto nei luoghi turistici parlano l’inglese e farsi capire non è un grosso problema.

Clima

Il clima in Thailandia è tropicale monsonico, caldo umido, con abbondanti piogge nel periodo che va da Maggio ad Ottobre e temperature più moderate nel periodo tra Novembre e Marzo.Agosto non è poi così male.Le temperature medie vanno da un massimo di 38° - 40°ed un minimo intorno ai 25°.La differenza di orario e di 6 ore in più rispetto all’Italia, ma durante il periodo dell’ora legale, è naturalmente di 5 ore.

Documenti necessari

Il passaporto deve avere almeno 6 mesi di validità.Per soggiorni turistici non superiori a 30 giorni non è necessario nessun visto.In caso di estensione della vacanza recarsi all’Ufficio Immigrazione più vicino e fare l’estensione del visto di 15 giorni.Non considerate prassi corretta l’ammenda di 500 Bath giornalieri pagabili in aeroporto!Se sorpresi fuori visto sarete considerati clandestini e quindi sottoposti alle vigenti leggi!

Per soggiorni prolungati oltre 45 giorni,consigliamo di rivolgersi all’ambasciata Thailandese o al Consolato più vicino per il rilascio dei visti idonei.

Si ricorda a chi viene in Thailandia per assumere sostanze stupefacenti di qualsiasi tipo, che le pene previste per possesso, uso e smercio sono particolarmente severe e arrivano sino alla pena capitale.

 

LE SPIAGGE

Se non siete ancora riusciti a trovare il “Vostro Paradiso tropicale” probabilmente non siete mai stati a Phuket,la perla delle Andamane.E’ l’isola più grande della Thailandia ed una delle località balneari più famosa dell’Asia.Tutte le più belle spiagge di Phuket si trovano sul lato occidentale dell’isola, di fronte al mare delle Andamane.Partendo da Mai Kao, vicino all’aeroporto, fino a Rawai sulla punta sud, ci sono tredici spiagge, senza contare le piccole insenature accessibili attraverso piccoli sentieri, o via mare noleggiando una long tail boat, la tipica barca thai.

Eccole in dettaglio, partendo da nord verso sud.

Mai Kao e Nai Yang

Gli aerei prima di atterrare sorvolano Mai Kao e Nai Yang, che insieme formano una striscia lunga una decina di miglia.Durante la bassa marea, il mare appare fangoso e per questo sono poco frequentate.

Nai Ton

Una spiaggia tranquilla con un villaggio di pescatori e poco frequentata.

Bang Tao

E’ una lunga spiaggia di sabbia fine con un villaggio di pescatori al nord e poco frequentata.

Surin

E’ una delle mete preferite dai turisti Tailandesi, specialmente durante i fine settimana.Il litorale ha una pendenza piuttosto brusca che crea pericolose correnti durante la stagione dei monsoni.Molti piccoli ristoranti a prezzi economici.

Pansea e Laem Sing

Sono spiagge molto belle, sia per lo scenario che offrono che per il mare stupendo.Sono molto pulite ed attrezzate.Si può anche mangiare in ottimi ristorantini, a prezzi veramente accettabili.

Kamala

E’ una stupenda spiaggia lunga circa 2 Km., anche se non è troppo curata, merita una visita.

Patong

Lunga circa 4 Km è la più sviluppata delle spiagge dell’isola.Non è certo adatta a chi va in cerca di tranquillità, ma per chi vuole una vacanza attiva e vivace.Se tuttavia volete dormire sulla spiaggia e siete disturbati dai molti ambulanti thai, è sufficiente dare una piccola mancia alla persona che vi ha affittato sdraio ed ombrellone e non sarete più disturbati per il resto della giornata.

Karon

In realtà è formata da due spiagge: una conosciuta come Karon Noi e, la più ampia, Karon Yai.Karon Noi è inaccessibile perché occupata dall’Hotel Le Meridien, mentre l’altra, la più grande, sull’altro lato del promontorio, è abbastanza tranquilla e pulita.

Kata

Come Karon, Kata è suddivisa da un promontorio in Kata Noi e Kata Yai.La prima ospita il Club Mediterranèe, la seconda è sede del Kata Tani Hotel.L’accesso è consentito in entrambe le spiagge.La tranquilla baia e l’isola di fronte sono meta di lussuosi yachts.

Nai Han

La strada da Kata a Nai Han offre alcuni dei più spettacolari panorami di tutta Phuket(View Point e Phromthep Cape).Nai Han è sede di un lussuoso Hotel che sorge su una collina al fondo della spiaggia.L’accesso è consentito liberamente.

Rawai

Nonostante sia un luogo pittoresco per lo sfondo di palme da cocco e barche di pescatori, la spiaggia di Rawai è fangosa e per questo meno frequentata dai nuotatori.Tuttavia è una tappa interessante perché confina con un villaggio di zingari del mare.

Ricordiamo che dalla marina di Chalong, a breve distanza da Rawai,salpano tutti i motoscafi per le escursioni verso la Provincia di Krabi e verso le numerose splendide isolette del mare delle Andamane, quali ad esempio le isole Phi Phi, Racha, James Bond Island,ecc.

Guardando la mappa dell’isola, si nota che anche la costa orientale è ricca di spiagge.Tuttavia molte di esse sono rese impenetrabili da una fitta rete di mangrovie, ed altre sono state deturpate dalle miniere di stagno.Vale comunque la pena di visitare questo lato dell’isola, ricco di paesaggi interessantissimi.

Un cenno a parte merita il capoluogo dell’isola,Phuket Town,a breve distanza da Chalong.A Phuket Town si possono ancora trovare esempi di architettura sino-portoghese del sud: principalmente negozi cinesi lunghi e stretti, con splendide decorazioni in stile europeo del XIX secolo.Le case coloniali del 1800 dei capi cinesi delle miniere di stagno circondano il centro cittadino.L’eredità cinese è visibile anche nei templi che punteggiano la città; con le loro decorazioni rosso e oro risplendono durante il festival vegetariano di 9 giorni che si svolge ad Ottobre.